Rifugio Re Alberto Primo

Rifugio Re Alberto Primo - Rifugio Re Alberto Primo - Rifugio Re Alberto Primo - Rifugio Re Alberto Primo -
Descrizione

Il Rifugio Re Alberto 1° è situato nel cuore del Catinaccio, fra la Val di Fassa e il sudtirolo, in una conca, quella del Gartl, circondata da immense bastionate rocciose come la Croda di Re Laurino, la parete nord del Catinaccio e le celebri Torri del Vajolet.

Dal rifugio pare di poter toccare con mano la torre Delago, Stabeler e Winkler, chiamate così dal nome del loro primo scalatore.

Ammirare con il naso all'insù le guglie del leggendario “giardino di Re Laurino” è uno spettacolo indimenticabile!
Un'atmosfera unica, fatta di silenzi, di pace, di albe e tramonti mozzafiato!

Costruito nel lontano 1929 e ristrutturato più volte, il rifugio accoglie alpinisti scalatori, escursionisti e veri appassionati da tutto il mondo, in un ambiente amichevole e familiare.
E' un punto d’incontro, un riparo dalle intemperie, ma anche un ottimo punto di ristoro con una “cucina fatta in casa”, che propone specialità sia della tradizione tirolese come il Kaiserschmarren e i canederli, sia di quella italiana come spaghetti e polenta.



Punti di forza
  • Panorami, albe e tramonti mozzafiato.
  • Al cospetto di famose vie d'arrampicata e delle famose Torri del Vajolet.
  • Ambiente dolomitico incastonato fra le guglie e accesibile a tutti.


Accessi al rifugio

Dal lato trentino:

Pera di Fassa: con le seggiovie Vajolet 1,Vajolet 2 e Pian Pecei e proseguendo per il sentiero nel bosco (30 min. circa) o con con più comodo bus navetta in partenza dal parcheggio "Centro Escursioni CATINACCIO" che raggiunge il rifugio Gardeccia in circa 20 min.

Vigo di Fassa: con la funivia Catinaccio e poi per il sentiero n.540 (30 min. circa) fino a Gardeccia.

Dalla località Gardeccia si prosegue fino al rifugio Vajolet (sentiero n.546, 1 ora circa) e da qui, con una deviazione a sinistra (sentiero n.542, 50 minuti), si sale fino al rifugio Re Alberto 1°.

Dal Lato Altoatesino:

Nova Levante/Welchsnofen: si prendono la Cabinovia Nova Levante e la seggiovia re Laurino fino al rifugio Fronza alle Coronelle.
Passo Carezza: con la seggiovia Paolina e camminando per il sentiero n.552-549 “sentiero del Masarè” (1 ora circa) fino al rifugio Fronza alle Coronelle
Passo Nigra – Malga Frommer: con la seggiovia re Laurino fino al rifugio Fronza alle Coronelle.           

Raggiunto il rifugio Fronza alle Coronelle, ci sono due possibilità:

1. percorrendo la via ferrata del Passo Santner (sentiero n.542, 2 ore circa).

2. con normale camminata escursionistica medio-facile dal Passo delle Coronelle (sentieri n.550-541-542, 3 ore circa)



Mappe degli accessi
Da Nova Levante
Vedi mappa Download GPX
Da Carezza Paolina Hirzer
Vedi mappa Download GPX
Da Pera Ciampedie Con Navetta
Vedi mappa Download GPX
Da Pera Ciampedie Con Seggiovie
Vedi mappa Download GPX
Über Kölner Hütte
Vedi mappa Download GPX
Da Vigo Ciampedie
Vedi mappa Download GPX


Vedi l'elenco completo dei rifugi

L'accoglienza in quota

Proposta itinerari

Occasioni da non perdere

Panorami mozzafiato

Seguici anche su:

facebook twitter instagram
© 2016 Rifugi del Catinaccio     |     Credits     |     produced by © INTERNET SERVICE™ S.r.l.     |     Dolomites Italy