Rifugio Bolzano

Rifugio Bolzano - Rifugio Bolzano - Rifugio Bolzano - Rifugio Bolzano - Rifugio Bolzano -
Il rifugio in un'occhiata
camere
camerate
locale invernale
ristoro
bar

Asciugatoio

Teleferica

 

APERTURA: dai primi di giugno alla metà di ottobre

Descrizione

Il castello tra i monti
Il Rifugio Bolzano sorge a 2457 metri sull’altipiano dello Sciliar, montagna simbolo dell’Alto Adige.

Questa struttura si presenta all’escursionista come un castello, circondato dai masicci montuosi del Sassolungo e Sassopiatto, Catinaccio e Latemar.

Dal 1976, la famiglia Gasser offre agli appassionati di sport alpini il meritato riposo, una cordiale accoglienza e una sistemazione confortevole in uno dei più bei rifugi dell’Alto Adige. Fino al 1998 erano i miei genitori Hilde e Rudolf e dal 1999 siamo noi, Silvia e Harald, a gestire con passione quest’azienda, all’insegna della pulizia, dell’ospitalità e, non ultimo, del buon cibo e delle idee innovative.

Qui, tutto è pervaso dalla tipica atmosfera dei rifugi: nessuna strada d’accesso (i rifornimenti avvengono tramite la teleferica e, se necessario, con l’elicottero) e un ambiente tradizionale contraddistinto da Stube semplici ma estremamente accoglienti, camere da letto e camerate. A disposizione del vostro meritato riposo troverete 120 posti letto.
Attendiamo con gioia la vostra visita
Silvia e Harald



Punti di forza
  • Un vero castello tra le nuvole ubicato su verdi pascoli ai piedi di irte pareti.
  • Cucina altoatesina.
  • Tipica atmosfera nelle accoglienti stube in legno del ristorante e delle stanze.


Accessi al rifugio

Da Siusi
Arrivare a Compatsch, sull’Alpe di Siusi, con l’omonima cabinovia. Da qui, percorrere per 10 minuti la strada fino alla seggiovia panoramica, salire alla stazione a monte e raggiungere il rifugio Bolzano lungo i sentieri n. 6-5-1, oltrepassando la Baita Saltner. Dislivello: 670 m; tempo di percorrenza: 2 h 50 min.
Arrivare a Compatsch, sull’Alpe di Siusi, con l’omonima cabinovia. Da qui, percorrere i sentieri n. 10-5-1 fino al Rifugio Bolzano, oltrepassando la Baita Saltner. Dislivello: 790 m; tempo di percorrenza 3 ore 20 min.
La salita da Baita Saltner, nota come “Sentiero dei turisti”, è ben curata e non presenta alcuna difficoltà.

Da Fiè
Dal paese, sempre lungo il sentiero n. 1, oltrepassare il laghetto di Fiè e Malga Tuff e percorrere il “Sentiero dei tronchi” fino a Malga Sessel e al Rifugio Bolzano. Dislivello: 1620 m; tempo di percorrenza: 5 ore. Partendo dal Laghetto di Fiè (parcheggio): dislivello di 1430 m e tempo di percorrenza di 4 ore 30 min.

Variante leggermente più impegnativa: presso il crocefisso “Peter Frag”, all’inizio della profonda gola, svoltare a sinistra sul sentiero no. 3, il cosiddetto “Schäufelesteig”, e salire fino al Rifugio Bolzano. Dislivello e tempo di percorrenza all’incirca come sopra.
Da Umes (parcheggio e autobus) percorrere il sentiero n. 3, oltrepassando l’Hofer Alpl, per salire fino al sentiero n. 1 e a Peter Frag; da qui, proseguire come indicato precedentemente. Dislivello: 1550 m; tempo di percorrenza: 4 ore 45 min.

Da Tires
Da Bagni di Lavina Bianca (parcheggio) seguire il sentiero n. 2 attraverso la Gola dell’Orsara fino al Rifugio Bolzano. Dislivello: 1280 m; tempo di percorrenza: 4 ore.



Vedi l'elenco completo dei rifugi

L'accoglienza in quota

Proposta itinerari

Occasioni da non perdere

Panorami mozzafiato

Seguici anche su:

facebook twitter instagram
© 2016 Rifugi del Catinaccio     |     Credits     |     produced by © INTERNET SERVICE™ S.r.l.     |     Dolomites Italy